venerdì , 30 Settembre 2022
Che show! Conto alla rovescia per la “Caccia al Tesoro” dedicata alle eccellenze gastronomiche

Che show! Conto alla rovescia per la “Caccia al Tesoro” dedicata alle eccellenze gastronomiche

Nella terra degli chef stellati e dei ristoranti dell’elite del gusto non si può restare indifferenti al richiamo della cucina. Soprattutto se c’è anche tanto sano divertimento. Sette squadre, 622 iscritti ufficiali, una città intera pronta a mobilitarsi. Ed è da qui, da queste eccellenze, che riparte la manifestazione più attesa dell’anno. La Caccia al Tesoro di Natale di Sorrento trasformerà i partecipanti in abili cuochi pronti a «cucinare» tutti gli indizi e i tranelli che, come ogni anno, gli organizzatori hanno preparato per loro: 48 ore di divertimento tra il 26 e 27 dicembre, il tutto anticipato dallo spettacolare prologo che si svolgerà il 22 dicembre in piazza Tasso, dove, tra un gioco di abilità e l’altro, sarà rimesso in scena uno dei quiz più famosi di sempre, quel «Pranzo è servito» che ha allietato per anni il mezzogiorno degli italiani. Non mancheranno prove di abilità ai fornelli, tutte da scoprire, in un momento storico dominato dai cooking show. Insomma, tutto è pronto per regalare a turisti e partecipanti giorni di pura follia e divertimento nell’atmosfera magica del Natale a Sorrento. La presentazione ufficiale dell’evento – organizzato dall’associazione culturale «Il Cilindro» di Sorrento e patrocinato dal Comune di Sorrento nell’ambito del cartellone di eventi «M’Illumino d’inverno» – si terrà sabato 7 dicembre, alle ore 18.30, presso la sala consiliare del municipio di Sorrento, a piazza Sant’Antonino. Il tesoro è servito (comunicato stampa)

About Giuseppe Damiano

Ho 36 anni, vivo dalla nascita a Sorrento e sono iscritto da 12 anni all’Ordine dei giornalisti della Campania. Collaboro, da cronista per l’area sorrentina, con il quotidiano “Il Mattino” e, da free lance, con testate locali. Tralascio il solito elenco di esperienze passate, per non “inimicarmi” da subito il lettore di turno. Ma una precisazione è doverosa: non “vivo” più di giornalismo. Oggi, qui, non è possibile farlo. Motivo per il quale, molti amici e colleghi hanno deciso di uscire dal “giro”. Io, tutto sommato, ho ancora il coraggio di restare.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*