lunedì , 17 Gennaio 2022
Orgoglio sorrentino, città sul podio dei Comuni Ricicloni per la raccolta del vetro

Orgoglio sorrentino, città sul podio dei Comuni Ricicloni per la raccolta del vetro

Il Comune di Sorrento ha ricevuto ieri, a Roma, il premio per la migliore raccolta di vetro, insieme ai Comuni di Forte dei Marmi e Brunico.
Il riconoscimento è stato ritirato dal direttore di Penisolaverde, Luigi Cuomo, nell’ambito dell’XXI edizione del premio Comuni Ricicloni 2014, promosso da Legambiente.
“Il premio – spiega il sindaco, Giuseppe Cuomo – è il risultato del nuovo servizio di raccolta separato del vetro, avviato nel 2013 dalle utenze alberghiere e di ristorazione. Un riconoscimento ricevuto per la qualità, oltre che per la quantità del materiale raccolto e avviato a riciclo. Nei primi sei mesi del 2014, visto anche il buon andamento delle presenze turistiche, il dato è ancora in aumento. Sono già state raccolte oltre 300 tonnellate, una quantità pari a 750mila bottiglie. Il 20 per cento di più rispetto ai primi sei mesi del 2013. Per il 2014 puntiamo a superare le 800 tonnellate di vetro, pari a 2 milioni di bottiglie”.
Non è la prima volta che il Comune di Sorrento viene insignito di un premio per l’impegno nella raccolta differenziata: nel 2003, per la raccolta dell’alluminio e nel 2010 per la raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici.

About Giuseppe Damiano

Ho 36 anni, vivo dalla nascita a Sorrento e sono iscritto da 12 anni all’Ordine dei giornalisti della Campania. Collaboro, da cronista per l’area sorrentina, con il quotidiano “Il Mattino” e, da free lance, con testate locali. Tralascio il solito elenco di esperienze passate, per non “inimicarmi” da subito il lettore di turno. Ma una precisazione è doverosa: non “vivo” più di giornalismo. Oggi, qui, non è possibile farlo. Motivo per il quale, molti amici e colleghi hanno deciso di uscire dal “giro”. Io, tutto sommato, ho ancora il coraggio di restare.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*