giovedì , 29 Settembre 2022
Tredici “incensurati” indagati per spaccio, ecco cosa hanno scoperto gli inquirenti

Tredici “incensurati” indagati per spaccio, ecco cosa hanno scoperto gli inquirenti

All’alba, i carabinieri della compagnia di Sorrento, guidati dal capitano Leonardo Colasuonno, hanno eseguito tredici ordinanze cautelari (quattro in carcere, tre ai domiciliari e sei di obbligo di dimora nel Comune di residenza) emesse dal Gip del tribunale di Torre Annunziata nei confronti di altrettante persone considerate responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine denominata “Lucignolo” è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, e condotta dal nucleo operativo dell’Arma di Sorrento e dalla stazione di Piano di Sorrento. L’attività, avviata attraverso il monitoraggio dei movimenti di alcuni spacciatori già noti, ha portato all’individuazione di un gruppo di persone incensurate, provenienti da famiglie “perbene” della costiera sorrentina.

Secondo quanto emerso dalle indagini, le persone coinvolte, ognuna operativa per proprio conto e senza una reale piazza di spaccio, avevano tra loro uno scambio informativo e di supporto in termini di suggerimenti su convenienza di prezzi, qualità della droga, precauzioni per sfuggire ai controlli… Attraverso telefoni cellulari e social network decidevano quanto e quale tipo di stupefacenti acquistare, a volte anche accettando ordinazioni oppure acquistando in anticipo le dosi da “smerciare” nel giro di amicizie o a contatti occasionali. Solitamente, raccoglievano anticipatamente, dai clienti, il denaro per la droga per poi, organizzare la trasferta verso le piazze di spaccio dell’hinterland partenopeo. Ma non solo: al telefono o sui social network si organizzavano anche per evitare i controlli lungo la Statale sorrentina.

Questa la lista delle persone indagate:
– SCAFI ALESSANDRO, 32 ANNI, PIANO DI SORRENTO (in carcere)
– COSENTINO GIULIANO, 38 ANNI, PIANO DI SORRENTO (in carcere)
– MARINIELLO PASQUALE, 59 ANNI, POMIGLIANO D’ARCO (in carcere)
– CESARANO ANTONINO, 28 ANNI, VICO EQUENSE (in carcere)
– IROLLA VALENTINO, 26 ANNI, PIANO DI SORRENTO (domiciliari)
– CASA MASSIMO, 38 ANNI, PIANO DI SORRENTO (domiciliari)
– CAROTENUTO ANTONIO, 37 ANNI, SANT’AGNELLO (domiciliari)
– VERDOLINO SALVATORE, 32 ANNI, META (obbligo di dimora)
– MAIONE ORNELLA, 34 ANNI, SANT’AGNELLO (obbligo di dimora)
– SILVESTRI LOREDANA, 22 ANNI, SANT’AGNELLO (obbligo di dimora)
– MICCIO PIETRO, 33 ANNI, MASSA LUBRENSE (obbligo di dimora)
– SEYE KHADIM, 29 ANNI, VICO EQUENSE (obbligo di dimora)
– CASSANDRA CARLO, 22 ANNI, PIANO DI SORRENTO (obbligo di dimora)

About Giuseppe Damiano

Ho 36 anni, vivo dalla nascita a Sorrento e sono iscritto da 12 anni all’Ordine dei giornalisti della Campania. Collaboro, da cronista per l’area sorrentina, con il quotidiano “Il Mattino” e, da free lance, con testate locali. Tralascio il solito elenco di esperienze passate, per non “inimicarmi” da subito il lettore di turno. Ma una precisazione è doverosa: non “vivo” più di giornalismo. Oggi, qui, non è possibile farlo. Motivo per il quale, molti amici e colleghi hanno deciso di uscire dal “giro”. Io, tutto sommato, ho ancora il coraggio di restare.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*