martedì , 16 luglio 2019
Abbassiamo i toni della campagna elettorale: confronto a tre molto politically correct

Abbassiamo i toni della campagna elettorale: confronto a tre molto politically correct

Toni molto pacati e lontani da quelli utilizzati da alcuni dei candidati negli incontri con i cittadini

I tre candidati alla carica di Sindaco di Vico Equense si sono confrontati sulle priorità del loro programma

Si è svolto ieri, 31 Maggio, presso i locali della pizza al metro, il dibattito tra i tre candidati alla carica di Sindaco di Vico Equense Buonocore Andrea, Cinque Maurizio e Russo Giuseppe.

“Bisogna abbassare i toni” ha esordito il candidato Russo, riferendosi alle modalità utilizzate in alcuni comizi ed incontri con i cittadini.

“Sono stato soggetto e oggetto di una situazione che non ho creato io. Concordo sull’esigenza di agire con serenità” ha ribattuto Buonocore che, come è ormai noto, ha rischiato di essere escluso dalla competizione elettorale per via di denunce giunte al TAR prima ed al Consiglio di Stato poi e che lo stesso Buonocore ha etichettato come “accanimento contro la mia persona”.

I toni, quindi, sono risultati smorzati rispetto a quelli che alcuni candidati stanno utilizzando durante comizi ed incontri con i cittadini. Nel confronto faccia a faccia si è ben pensato di apparire politicamente corretti ed evitare il confronto.

Il risultato è stato un incontro moderato dove i candidati hanno individuato come prioritaria una rivisitazione della questione parcheggi. Primo quarto d’ora gratuito è la proposta di Buonocore, mentre Russo propone la costruzione di due grandi parcheggi ai rispettivi ingressi di Vico Equense. Cinque, invece, ha presentato come prioritaria la questione relativa all’arredo urbano e del verde pubblico.

La produzione agricola locale è risultata essere una questione importante per Buonocore e Russo che hanno affermato l’importanza di istituire dei punti vendita a “chilometri zero” in modo da offrire nuove opportunità ai piccoli coltivatori mentre Cinque ha affermato l’importanza della riqualificazione ambientale: “non è possibile trovare accanto a un ristorante rinomato come la ‘Torre del Saracino’ uno scempio come quello del Rivo d’arco”.

About Sorrento Post

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*