mercoledì , 5 Ottobre 2022
Achille…o’cummandante: la poesia di Gianni Terminiello dedicata al magnate sorrentino

Achille…o’cummandante: la poesia di Gianni Terminiello dedicata al magnate sorrentino

Achille…o’cummandante

Chesta è na’storia vera…
era n’omm crisciuto e pasciuto
tra doie famiglie…
e Lauro e i Cafiero.

Nel periodo ro’fascismo se sapett
movere cu capacità e affarismo.

E accussì nascett a’ flotta Lauro,
na’ putenza mundiale…ma o’discorso
pe’ mò è prematuro e forse banale.

Vulett trasì, accussì pure o’parlamento
Italiano, criann nu’ nuovo movimento…
allora si riceva che regalava a’scarpa
sinistra a chi o’vutava e aropp a’destra…
si saglieva.

Addivenett pure sinnaco e Napule e Surriento,
ma o’veramente senza rispett, o’facettero e’scarpe…
cu’ accanimento.

Che cass e’risunanza pe’ nomm che pe’primm
e tutt quant, capett a’ necessità…
e mettere a’ gent a’faticà.

Tenett o’canz e accattà…
pa’ squadra ro’ Napoli o’goleador Jeppson,
e pe’ chill tiemp o’pavaie e chiù e’Maradon.

A soia storia sentimentale…
ha vist prutagonist e tant friccicamient…
ma semp ca’ classe, regalann sord e’appartament…
a chi o’vuleva bene o’verament.

Chi o’ po’ ricere se pure iss ha arrubbat
comme tutt l’ate, l’unica cosa sicura…
che a Surrient na’scola a regatat.

Aropp tanti disgrazie familiari e purcarie…
a’gentilomm quale era, accummigliaie
tutt e’dicerie.

E vulett campà l’urdimi ann ra’ vita soia,
comme viecchio catafarco…
girann ca’machina ngopp a’Capo d’Arco.

Scrutav o’mare…
pe’ verè e soie criature
e fermannese a ngopp a n’altura,
o’viecch autista guardannolo nfaccia
riceva: “Cummannà, rateve na’mossa,
stà passann na’ nave ra’ nost”

Gianni Terminiello

About cello

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*