giovedì , 6 Ottobre 2022
La favola di Sorto: il mago e le elezioni

La favola di Sorto: il mago e le elezioni

C’era una volta, tanto tempo fa, un paese chiamato Sorto , ammirato da tutti per le sue bellezze: il mare limpido, le colline amene e ricche di vegetazione e le sue bellezze architettoniche.

Ma la sua particolarità era la magia, o meglio, il suo Re ed i suoi aiutanti avevano poteri magici.

Un brutto giorno, purtroppo, arrivò in paese un mago invidioso e cattivo, che metteva molta paura e si recò al palazzo del sovrano per essere ricevuto; ma il Re per difendere tutti i suoi sudditi lo scacciò in malo modo.

Allora il vecchio mago, per vendicarsi, gli fece un incantesimo, con il quale i poteri magici del Re e dei suoi collaboratori, si sarebbero manifestati solo ogni cinque anni e per il resto del tempo avrebbero dormito e poi andò via per sempre.

Da allora Sorto fu triste; le scuole erano chiuse, il mare si riempiva di schiuma sporca, gli alberi cadevano sulle persone e tutti erano tristi e non avevano voglia di uscire di casa.

Ieri, però, è arrivata la quinta Primavera da quel giorno e l’incantesimo è finito: il Re ed i suoi amici si sono risvegliati dal lungo sonno e qualunque cosa i sudditi chiedono loro, essi, promettono di esaudire, recitando semplicemente una formula magica “Bibidì-Bobidì-Bù, il giorno dei bussolotti nell’ urna è vicino”. Tutto questo, finché quelle promesse non sparirono e per cinque anni tutto tornò triste come prima.

About Salvatore Foggiano

Classe '77 di Sorrento, professione insegnante di scuola dell’Infanzia e Primaria. Su Sorrento Post mi occupo di cultura, di ricerca di personaggi nati o vissuti a Sorrento ed in Penisola Sorrentina e di cronaca. I miei interessi sono la storia religiosa e della Chiesa, il volontariato con l’Azione Cattolica, la TV e poi c’è l’amore viscerale per il Napoli.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*