giovedì , 6 Ottobre 2022
L’eroe di Lampedusa premiato a Sorrento dalla… “Gente di mare”

L’eroe di Lampedusa premiato a Sorrento dalla… “Gente di mare”

Si è svolta ieri pomeriggio, nella sala consiliare del Comune di Sorrento, la prima edizione del premio Gente di Mare. Il riconoscimento, promosso dall’associazione Gente di Mare col supporto dei Comuni della penisola sorrentina, è stato conferito a Vito Fiorino, il pescatore che salvò 47 migranti dal naufragio di Lampedusa. Alla cerimonia, coordinata dal giornalista Antonino Pane, hanno preso parte il sindaco Giuseppe Cuomo, il vicesindaco di Sant’Agnello Clara Accardi, l’arcivescovo Francesco Alfano ed il comandante della Capitaneria di porto di Castellammare Savino Ricco.
“Era la mezzanotte del 2 ottobre, pescavo insieme ad alcuni amici – ha raccontato Vito Fiorino con la voce rotta dal pianto – Dopo pochi metri, vedemmo centinaia di naufraghi che chiedevano aiuto. Erano in condizioni pietose: bagnati, sporchi di gasolio, nei loro occhi c’era solo la morte. I più giovani tentavano di restare a galla e, nello stesso tempo, abbracciavano i morti. Caricai a bordo tutte le persone che potevo”. Fiorino è stato premiato per aver incarnato, col suo eroico gesto, i valori di coraggio e di solidarietà che contraddistinguono i naviganti: a premiarlo è stato il comandante Gennaro Iaccarino, decano dei marittimi sorrentini, che gli ha consegnato una scultura in legno realizzata dall’artista Joseph Meo.
Il naufragio di Lampedusa è stato ricordato pure da monsignor Francesco Alfano, promotore dell’Apostolato del Mare: “Il rischio è che a certe tragedie ci si abitui. Invece, bisogna riconoscere dignità ad ogni persona perché ognuno di noi ha nel cuore un potenziale positivo di rinnovamento e deve poterlo esprimere”.
Poi l’intervento di Antonino Persico, presidente dell’associazione nazionale Gente di Mare: “La categoria dei marittimi è di vitale importanza per la costiera e per l’Italia., eppure è spesso vilipesa. Il nostro obiettivo è dar vita ad una federazione che rappresenti a livello nazionale e tuteli i diritti dei lavoratori del mare. Chiediamo ai sindaci della penisola sorrentina di sostenere una categoria importante per il tessuto economico e sociale del Paese”.
Invito prontamente raccolto dal sindaco Giuseppe Cuomo, che ha assicurato il sostegno dell’amministrazione alle iniziative dell’associazione Gente di Mare: “Ci batteremo per tutelare i diritti dei naviganti e di tutti gli altri cittadini, con particolare attenzione ai servizi di trasporto nel golfo di Napoli”.
Durante la cerimonia, sono stati assegnati anche i premi del concorso “La foto dell’anno”, promosso dall’associazione nazionale Gente di Mare in collaborazione con Msc e Marnavi: primo posto per Maria Rosaria Sitzia, seguita da Patrizio Sorrentino e Rino Di Noto. A consegnare i premi, consistenti in un crest e in un contributo in denaro, sono stati il presidente del Collegio dei Capitani Pietrantonio Cafiero, il presidente dell’Apcm Vincenzo Astarita e Massimo Lauro, componente del direttivo dell’associazione nazionale Gente di Mare.
In chiusura, il marittimo Giulio Durni ha presentato il suo libro “Un bandito perbene”, mentre il presidente Antonino Persico ha consegnato al comandante Alessandro Capodanno la tessera di socio onorario dell’associazione nazionale Gente di Mare.

About Giuseppe Damiano

Ho 36 anni, vivo dalla nascita a Sorrento e sono iscritto da 12 anni all’Ordine dei giornalisti della Campania. Collaboro, da cronista per l’area sorrentina, con il quotidiano “Il Mattino” e, da free lance, con testate locali. Tralascio il solito elenco di esperienze passate, per non “inimicarmi” da subito il lettore di turno. Ma una precisazione è doverosa: non “vivo” più di giornalismo. Oggi, qui, non è possibile farlo. Motivo per il quale, molti amici e colleghi hanno deciso di uscire dal “giro”. Io, tutto sommato, ho ancora il coraggio di restare.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*