lunedì , 6 Luglio 2020
Sal De Riso ad Expo Milano “La Cucina ispira il mondo dell’arte e delle nuove fragranze”

Sal De Riso ad Expo Milano “La Cucina ispira il mondo dell’arte e delle nuove fragranze”

Milano – Venerdì 12 giugno ci sarà anche Sal De Riso, all’Expo di Milano, presso il Padiglione della Biodiversità, Slow Food Theater, in occasione dell’evento “La Cucina ispira il mondo dell’arte e delle nuove fragranze” Si presenterà in anteprima la nuova fragranza limited edition di Gabriella Chieffo.

Una fragranza insolita che innova il mondo dell’arte profumiera per lasciare un segno distintivo del Made in Italy, non solo all’EXPO 2015 ma nel mondo.

Gabriella Chieffo, dopo il successo di Ragù, accende ora i riflettori su quest’ultima creazione che rimanda alle assonanze affettive legate al cibo, nutrimento principe di corpo e spirito

La fragranza si presenta come elemento di congiungimento tra passato, presente e futuro, grazie al suo proustiano potere evocativo, frutto di un’appassionata ricerca sul tema della variazione.
I visitatori saranno guidati in un suggestivo viaggio olfattivo alla scoperta della nuova fragranza.

In questo esclusivo contesto, interverranno al workshop: Giuseppe Orefice, Presidente di Slow Food Campania e Basilicata; Onelia Greco, architetto e artista e Simone Falcini, direttore didattico dell’Accademia Italiana Chef e Les Toques Blanches d’Honneur (Cappello D’Oro).

A seguire, due momenti di showcooking tradurranno in azione per i sensi e prelibatezze per il pubblico il tema della variazione, grazie alla reinterpretazione di squisite ricette a cura e di Sal De Riso e Simone Falcini.

I due astri del firmamento culinario, pluripremiato Maestro Pasticcere il primo e Stella della Ristorazione dal 2012 al 2015 il secondo. Insieme daranno vita ad inedite e singolari creazioni.
Durante l’intero evento, sarà possibile ammirare un’ulteriore interpretazione del binomio Arts & Foods attraverso le installazioni della talentuosa artista Himitsuhana: da Caravaggio a Manet, passando per Piero Manzoni, Ambrogio Figino e Dunlop Leislie, ponendo l’attenzione sui linguaggi dell’arte che hanno interpretato il tema del nutrimento e del convivio, la lunga storia d’amore tra creare e mangiare.

About Comunicato Stampa

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*